Sento diverse persone dire che cercano la felicità, che non la trovano, che è difficile, ecc, ecc, ecc.. Nella maggior parte dei casi si accontentano poi di cantare qualcosa di Vasco, tipo "uhuhuhuhuhuu dov’è questa felicitàààà", senza preoccuparsi del fatto che in realtà quella canzone fa cagare. Ne riporto fedelmente il ritornello:

 

basta che sia facile
basta che sia semplice
basta farsi fottere
basta che sia
Una storia semplice
Cielo senza nuvole
Un amore utile
Sempre alla ricerca
DOV’E’??
Uhòòòòò dov’è? Fin là!!
Dov’è?…uhuhuhuhuh! dov’è…
Questa felicità!!…

Oppure urlare "felicitààààààà" a squarciagola pensando a quanto sia bello il suo ultimo, fantastico singolo, ignorando che in realtà sia una canzone di un certo Lucio Battisti.

La mia personalissima posizione è che cercare affannosamente la felicità sia un po’ come andare in bicicletta prima dell’invenzione della ruota: una fatica della madonna e, quando scendi, la sensazione di averlo preso -e forte- nel culo. E mentre ti massaggi le chiappe  guardare l’orologio e pensare : Cazzo. Ci avrei messo meno a piedi.

bibi ruote quadrate

Se apprezzi questo articolo, condividilo con i tuoi amici!

    2 pensieri su “

    1. da ran da ran

      un po’ di cipria qua

      da ran da ran

      un tocco qui e la’

      da ran da ran

      il cuore batte gia’

      da ran da ran

      com’e’ quel passo la’, eccolo qua

      da ra ra ran

      ci siamo gia’

      e allora andiamo andiamo andiamo a

      cominciar

      ma si ma si

      perche’ parlarne qui

      si sa si sa

      va tutto come va

      ma no no no

      non ve ne parlero’

      va be’ va be’

      facciamo finta che, io sono qua

      l’orchestra c’e’

      maestro vai

      felicita’ ta ta l’accento sulla a

      per questa sera con te

      ho scelto il cielo piu’ blu

      per fare scena

      dondola insieme con me

      datti una spinta anche tu

      sull’altalena

      e toccheremo lassu’ la luna piena

      questa e’ una sera se vuoi

      tutta per noi per noi

      ( Instrumental )

      io sono qua

      l’orchestra c’e’

      felicita’ ta ta l’accento sulla a

      ma si ma si

      buttiamola cosi’

      si sa si sa

      un’ora passa e va

      va be’ va be’

      facciamo finta che

      felicita’ felicita’ taratattatta’

    2. ah quanta strada nei miei sandali

      quanta ne avrà fatta bartali

      quel naso triste come una salita

      quegli occhi allegri da italiano in gita…

      😉

      Inkia Stamm

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.