Da tempo pensavo di dedicare un post all’uomo che ha dato una speranza a tutti gli idioti del pianeta:

Il virtuoso della rima baciata;

Il vate dell’endecasillabo sciolto;

Sua maestà il paroliere per eccellenza ma proprio di quelli esagerati ma bravi bravi bravi  che Mogol gli fa una sega;

Sua maestà, l’ottavo Re di roma, the voice, miglior scarpetta nel sugo:

Paolo Meneguzzi.

Cioè: parliamone, cazzo.

Io pensavo che le piaghe d’Egitto fossero una burla.

Anche perché se andassi da mia nonna a dirle che ho le piaghe certamente mi risponderebbe ‘ma che piaghe e piaghe d’Egitto..’ la qual cosa aumenterebbe la mia già solida certezza che tutto ciò che ha a che fare con l’Egitto in realtà non esista. E invece no. Dio c’è, ed è anche terribilmente incazzato. Non trovo altra spiegazione.

Voglio dire, fino a questo momento potevo lamentarmi giusto perchè, già che il supremo si è inventato gli Ottomani, in Italia avrebbe potuto metterci i TrePeni, tanto per distinguerci. E invece non solo ne abbiamo uno come tutti quanti, ma dobbiamo pure sopravvivere con l’incubo di testi come questo:

Sara vive da sola
Studia e poi lavora
Sara non ha paura
Sara è già più grande della sua età
Sarà fuori è felice
Dentro a volte è triste
Sara la vita è strana
Sara come sei sei solo tu

Oh Sara
Che cammini sotto il sole
Hai deciso di partire
Per cercare un’altra vita
Da seguire
Oh Sara
Che cammini verso il sole
Contro gli altri contro tutti
Tu vuoi vivere ogni istante
Della vita

Sara si sente sola
Sara ora è lontana
Chiama 2 volte al mese
Dice che per ora lei non tornerà
Sara ha un grande sogno
Vuole cambiare il mondo
Sara è un nuovo giorno
Sara come sei sei solo tu

Oh Sara
Che cammini sotto il sole
Hai deciso di partire
Per cercare un’altra vita
Da seguire
Oh Sara
Che cammini verso il sole
Contro gli altri contro tutti
Tu vuoi vivere ogni istante
Della vita

Tu lo sai che sei nelle mani tue

Oh Sara
Che cammini sotto il sole
Hai deciso di partire
Per cercare un’altra vita
Da seguire
Oh Sara
Che cammini verso il sole
Contro gli altri contro tutti
Tu vuoi vivere ogni istante
Della vita…

Eddai, su.

Io sono contro la pena di morte, dunque non proporrò di sopprimere codesto elemento (ma credetemi, mi sto sforzando). Propongo invece di esiliarlo in una piccola isola sperduta in compagnia di diciotto senegalesi omosessuali. La "raccolta firme" virtuale parte ora, chiunque sia interessato a fare il bene della propria nazione e dell’umanità intera può lasciare un commento a questo post. Se la partecipazione sarà consistente  potrò proporre di inserire una postilla sull’argomento all’interno della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Aiutaci a rendere il mondo migliore, vota ‘no’ a Paolo Meneguzzi!

p.s: Unendo i lineamenti del volto di Meneguzzi con una matita, si ottiene un pene.

Se apprezzi questo articolo, condividilo con i tuoi amici!

    19 pensieri su “

    1. “Odio gli indifferenti” (A. Gramsci)

      Indignarsi è un dovere.

      Agire, bisogna! E’ una battaglia di civilta’.

      sliskovic dice NO a Paolo Meneguzzi

    2. lo so che non è un cantante coi fiocchi! ma è un adorabile burlone! e mi piace xè è della nostra zona, adoro i cantanti varesotto-ticino-sudamericani! dopo tutti quei nino d’angelo e gigi d’alessio penosi (non sono forse peggio loro! che raggiungono livelli di musica penosamente arabo-latrino-partenopea?)

      E poi non potrò mai dimenticare di quando io e la Malarya (sorella del Bubbelgunn) l’abbiamo conosciuto all’Arena a Mendizi! Era ubriaco marcio (come io del resto) e circondato da amici faccendieri e poco puliti e da signorine in cerca di una scopata con la celebrità del momento!

      Io dico SI! alla droga libera, all’ammmmòòòòòre libero e a Pablo Meneguzo!

    3. nonostante lo adori, ammetto che il fondotinta che usa da pessimi risultati,,, ad ogni modo non hanno ancora inventato un fondotinta che riesca a eliminare le sue borse sotto gli occhi modello Prada-Esselunga

    4. Caro gabbbbbb, nonostante la tua controtesi mi abbia fatto riflettere,continuo a votare decisamente ‘no’ al Meneguzzi. Per la faccia, i testi, i balletti e il mascara. Ok, ha dalla sua che è un ubriacone.. questo lo apprezzo. Però diciamoci la verità, andare ad un concerto di Meneguzzi è come andare ad una messa di Milingo..

    5. E’ ovvio che l’autore del post nutre una profonda gelosia nei confronti del Meneguzzi per il suo indubbio talento poetico!

      Paolo Meneguzzi for President!

    6. Ma poi ti lamenti che le gente arrivi nel tuo blog digitando il testo di paolo meneguzzi…? rifletti sulle tue colpe!

      comunque tutto l’amore per codesto personaggio nasce dal suo aspetto da malato terminale…in realtà si tratta di compassione.

      non è vero che siamo tutti cinici senza cuore!

    7. Paolo Meneguzzi è un grande artista, che regala grandi emozioni. Non ti piace? Non VI piace?? Ma chi se ne frega!! Ascoltatevi la musica che preferite, senza  insultare gli altri. E' una questione di civiltà. 

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.