Ecco il nuovo dio della settimana.

Comunicazione importante per i lettori di sesso maschile: leggetelo una volta e ridete pure, ma poi non fermatevi troppo a pensarci.

Viagra fai da te: matita nel pene

Farà il giro del mondo la notizia proveniente da Belgrado non per l’importanza quanto per l’effetto ridicolo che scatena: Zeljko Tupic è stato ricoverato d’urgenza dopo che, per prevenire i suoi problemi erettili, si è inserito una matita nel pene. Durante la notte di sesso, però, “l’attrezzo” è andato a conficcarsi fino alla vescica obbligaando il povero Zeljko a chiamare l’ambulanza.

I medici sono stati costretti ad operare d’urgenza. E quando il paziente è risultato fuori pericolo hanno potuto tirare un sospiro di sollievo e farsi anche una risata. Zeljko ha confessato ai chirurghi di avere avuto in passato problemi di erezione. E dato che quella sera aveva un appuntamento galante con una nuova fiamma non voleva fare brutta figura.

Ecco dunque l’idea, che non sarà certo catalogata tra le più brillanti della storia: infilarsi una matita nel pene per mantenere l’arto rigido. Tutto bene all’inizio fino a che il povero Zeljko si è accorto che qualcosa non andava. Nell’amplesso la matita aveva iniziato a risalire su per l’uretra andando a conficcarsi fino alla vescica. I dolori lancinanti hanno costretto la coppia a chiamare d’urgenza un’ambulanza.

“Tupic ha detto di non sapere dell’esistenza di farmaci come il Viagra – ha detto il dottor Aleksandar Milosevic al quotidiano Kurir -. All’inizio aveva anche negato di essersi infilato qualcosa nel pene, ma poi i raggi X hanno chiarito tutto. In futuro – conclude il medico – Tupic proverà la pillola blu prima di mettere mano all’astuccio e provare con qualche altro oggetto di cancelleria”.

AV 1943 - Matita HB -

Se apprezzi questo articolo, condividilo con i tuoi amici!

    5 pensieri su “

    1. e basta, cazzo! cambiate post!

      non ce la faccio più a vedere quella cazzo di matita (nel vero senso della parola) ogni volta che apro il vostro fottuto blog!

      @quandosifabuio: quando si di dice “lunedì ci sono” ci si è, cazzo!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.