Chi la fa, l’aspetti



L’EX ARBITRO

Byron Moreno arrestato per droga

Il giustiziere dell’Italia ai Mondiali 2002 fermato all’aeroporto di New York: aveva 6 chili di eroina

L’EX ARBITRO

Byron Moreno arrestato per droga

Il giustiziere dell’Italia ai Mondiali 2002 fermato all’aeroporto di New York: aveva 6 chili di eroina

Il rosso a Totti in Corea del Sud-Italia
Il rosso a Totti in Corea del Sud-Italia

NEW YORK – L’ex arbitro ecuadoriano Byron Moreno, che fu decisivo per l’eliminazione dell’Italia durante i Mondiali in Corea nel 2002, è stato arrestato all’aeroporto John F. Kennedy di New York mentre cercava di entrare negli Stati Uniti con almeno sei chili di eroina nascosti addosso. Lo hanno reso noto fonti della Dea, la più importante agenzia antidroga statunitense.

ARRESTATO – Secondo tale fonte i doganieri americani hanno scoperto che Moreno, attualmente impegnato come commentatore sportivo in una radio e in canale tv del suo paese, aveva nascosto la droga nei suoi indumenti intimi.

BUFFON IRONICO – «Sei chili di droga? Secondo me Moreno li aveva già nel 2002, ma non nelle mutande, in corpo…». Prova a scherzarci su, Gigi Buffon, alla notizia dell’arresto di Moreno, ma la battuta è chiaramente amara perché riapre una ferita azzurra. «A parte le battute, quando gente di sport entra in vicende di stupefacenti, vuol dire che si sta raschiando il fondo del barile», aggiunge il portiere della nazionale, tra i pali già nel 2002 quando la direzione di gara dell’arbitro costò l’eliminazione degli azzurri. «Vuol dire anche – aggiunge Buffon – che si è perso il vero senso dello sport, che sarebbe anche quello di salvare tanti ragazzi dalla strada e da giri pericolosi, come quelli della droga».

Mi piace pensare che gli sia stata venduta da un italiano.
Se apprezzi questo articolo, condividilo con i tuoi amici!

    6 pensieri su “Chi la fa, l’aspetti

    1. mi piace pensare che in galera gli faranno il culo. e ci godrò il doppio, se chi glielo farà sarà di origine italoamericana.

      fra parentesi, anche io quel pomeriggio bestemmiai più del solito. ma molto, molto di più intendo.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.