lista della spesa #56

Stiamo per entrare ufficialmente nell'inverno: il freddo vero sta arrivando e, mentre gli sciatori gioiscono, tutti gli altri bestemmiano.
I ladri ti entrano nel giardino, tu li sgami clamorosamente e loro scappano inciampando nel tuo barbecue, demolendolo e facendosi presumibilmente malissimo (cioè, non so se faccia parte dell'inverno, questa cosa: comunque a me è successa, qualche giorno fa).
Le giornate trascorrono sonnolente, che questo tempo tutto fa, tranne far venire la voglia di fare cose.
Ma come al solito risolviamo il tutto noi con la "lista della spesa"! Partiamo dal problema del freddo:

Dei recenti studi da me effettuati su un campione di donne tra  i venticinque e i ventisei anni, bionde, alte 1.67, leggermente strabiche e di nome Maria Lourdes (come potete ben immaginare, trattasi un campione composto da una sola persona) dimostrano che il freddo non "parte dai piedi" come molti dei nostri nonni hanno sempre sostenuto prima di morire di fame dilapidando la loro pensione in "Moon boot": parte invece dal naso.
Ecco quindi la nostra prima proposta: il berretto da naso.

naso
Avete paura che non sia sufficiente a riscaldarvi? Giusta osservazione: dunque pigliatevi pure la borsa portalegna, per appiccare improvvisati fuochi o tragici falò durante i quali voi suonerete la chitarra e tutte le ragazze vi guarderanno, finendo però per limonare con altri (lo so, la ripeto spesso 'sta cosa, ma ho avuto un trauma adolescenziale)

borsa


Bene, ora ci siamo riscaldati, ma come la mettiamo con la "sonnolenza da giornata grigia", direte voi?
Semplice: munitevi di una cravatta-cuscino gonfiabile, per dormire sonni tranquilli anche in ufficio.

 

cravatta
E l'inverno l'abbiamo fottuto.

Se apprezzi questo articolo, condividilo con i tuoi amici!

    Un pensiero su “lista della spesa #56

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.