Noce schiaccia noce

Qualche giorno fa (non ricordo esattamente quale: tra me e i giorni della settimana, non appena sono terminati, si crea una cortina di nebbia che mi impedisce di andare a ricollocare al proprio posto i fatti accaduti. Così mi ritrovo a non sapere esattamente quando è successa una determinata cosa: però mi rimane in testa un profumo, oppure una voce, o un sorriso, e da lì non si schioda più. Poi, se mi chiedi quando l’ho raccolto, e dove, magari non te lo so dire: ma so che c’è, e questo mi basta) ho sognato di trovarmi a Madrid, per la precisione allo stadio di calcio, il Santiago Bernabeu. Il match in questione vedeva affrontarsi la squadra locale (il Real Madrid, per chi non masticasse di calcio e risultasse essere, nel contempo, particolarmente carente di intuito) contro Francesco Salvi. Quest’ultimo, nel caso non lo sapeste, è il bell’omino che potete vedere nel video seguente, in una delle sue interpretazioni più felici: il brano in questione si intitola “Esatto”, e gli ha permesso di classificarsi al settimo posto al Festival di Sanremo del 1989 (sì, settimo. E ancora sì, il Festival di Sanremo è quella cosa alla quale partecipò anche Luigi Tenco, poco più di vent’anni prima).

Ve la faccio breve: vittoria secca di Francesco Salvi, 0 – 3. Ha pure parato un rigore a Cristiano Ronaldo.
Cosa può significare questo sogno? Non ne ho idea. Cosa direbbe Freud in merito? Che sono omosessuale e che ho problemi con mia madre, cioè quello che ha detto praticamente a chiunque, per decenni, mentre il suo naso si produceva in arditi slalom lungo le pareti più ripide del monte Bamba. Non mi fido di chi ripete sempre le stesse cose: sarebbe un po’ come chiedere consulenza alla macchinetta automatica che piglia i soldi all’uscita dell’autostrada. Ti dice sempre e solo “arrivederci” e lo fa solamente dopo averle dato dei soldi: come Freud, per l’appunto.

Ma non è di questo che voglio parlare: sempre qualche giorno fa (non ricordo esattamente quale: tra me e i giorni della settimana, non appena sono terminati, si crea una cortina di nebb… ah, no, questo l’ho già detto) ho comprato delle noci.
Una volta arrivato a casa, però, il disastro: mi sono reso conto di non possedere uno schiaccianoci. Di non aver mai posseduto uno schiaccianoci. Ora, l’elenco di cose che non possiedo è discretamente nutrito (le prime due che mi sovvengono sono l’ombrello e la capacità di fingere interesse per un argomento del quale non m’importa un accidente), ma non possedere uno schiaccianoci è grave. Gravissimo.
Significa che da quando vivo da solo non ho mai consumato delle noci: stiamo parlando di qualcosa come cinque anni. E se tanto mi dà tanto, nemmeno il gatto le ha consumate. A meno che… urge una prova.

Visto l’interesse manifestato, posso supporre non ne abbia mangiate nemmeno lui.
Il problema è il seguente: “La vitamina E [presente nelle noci], caratterizzata da spiccate proprietà antiossidanti, è in grado di tenere sotto controllo i pericolosi effetti dei radicali liberi tanto temuti. Rilevante anche la presenza di un aminoacido essenziale, chiamato arginina, molto importante per la salute delle nostre arterie; infatti l’arginina fornisce alle pareti delle arterie il nitrossido, una sostanza in grado di combattere e prevenire l’arteriosclerosi.” e ancora “[il nitrossido] è il modulatore naturale della crescita dei capelli.”

Urge una telefonata.

– Cesare Ragazzi Company, sono Carla: come posso aiutarla?
– Ehi, ha fatto la rima!
– Come, scusi?
– Niente, niente. Sono QuandoSiFaBuio, di appletini.it
– Chi?
– Lasci perdere. Senta un po’, che mi risponde se le dico “schiaccianoci”?
– Non sono autorizzata a rispondere a questo tipo di domanda.
– Mi faccia indovinare: siete stati voi. Andate nelle case della gente a fregare gli schiaccianoci per impedirci di assumere una dose sufficiente di nitrossido, e far sì che i nostri capelli cadano.
– Non so di cosa lei stia parlando.
– Certo, certo: lei se ne sta lì, con le sue grosse chiappe appoggiate ad una sedia che continua strenuamente a sostenerla – sfidando ogni legge della fisica, peraltro – a dirmi che non c’entrate niente con questa faccenda: intanto gli schiaccianoci svaniscono nel silenzio più assoluto, e nessuno ne sa niente. Ma sa cosa le dico? Io li vedo.
– Prego?
– Ho detto che li vedo. Ogni fottutissima notte.
Dunque lei…
Sì. Io vedo gli schiaccianoci morti.
Con il dovuto rispetto, signor QuandoSiFaBuio, io credo che lei sia semplicemente un coglione.
Cioè qualcosa che somiglia maledettamente ad una noce: ma guarda un po’.
Dico davvero, signore: lei avrebbe bisogno di farsi vedere da uno strizzacervelli, o qualcosa del genere.
– E se le dicessi “peli di culo di babbuino” cosa mi risponde?
– O mio Dio, lei… lei sa!
– Pensavate davvero che mi sarei bevuto quella faccenda dell’ “infoltimento capelli con materiale innovativo”? Suvvia. L’Africa è piena di babbuini con il culo pelato.
– Lei… lei non può sapere!
– Be’, a quanto pare è così. Dunque, vediamo se ora le è venuta voglia di ragionare: voglio il mio schiaccianoci, e lo voglio ora. Deve arrivare a casa mia in una scatola chiusa e anonima: non vorrei mai che i miei vicini di casa potessero pensare che io abbia intenzione di decorarmi la testa con dei peli di culo di babbuino.
– Tutto qui?
– Come sarebbe “tutto qui?”
– Pensavo chiedesse qualcos’altro in cambio del suo silenzio: tipo un grosso riscatto, o qualcosa del genere.
– Ah, dice che dovrei?
– No, be’, non voglio forzarla, sono scelte sue.
– È che mi imbarazza sempre un po’ parlare di soldi.
– La capisco, sa? Succede anche a me.
– Davvero? Incredibile! È una cosa stupida, no? Imbarazzarsi per niente…
– Non sa quante volte mi succede. Questa cosa dei soldi, poi, è proprio fastidiosa. In una società consumistica come la nostra, poi…
– Sì, ha ragione, ormai è tutto così stereotipato…
– E poi, come afferma Bauman nel suo sagg…
– Zygmunt Bauman? Lei ha letto Vita liquida?
– Certo. Ma non solo: sono un’accanita sostenitrice della teoria della “modernità liquida”. Ho letto tutto al riguardo.
– Incredibile: lo sono anch’io! Senta, le andrebbe di parlarne davanti a un secchio di Campari col bianco?
Un caffè. Solitamente si dice davanti a un caffè.
– Ha ragione, mi scusi. Mi sembrava banale.
– Senta, io ci uscirei davvero, con lei. Però, ecco, sono un po’ turbata. Che ne dice se le passo un secondo l’ufficio risorse umane così fa due chiacchiere col nostro psicologo? Non ho ancora capito se lei sia un genio, oppure un completo idiota.
– Non sono un amante dei compromessi, ma lei mi sembra una persona molto interessante. Se è necessario, lo farò. Ma non ci faccia l’abitudine.
– Un istante soltanto: la metto in linea.
– Pronto?
– Sì, salve, sono QuandoSiFaBuio. Sto combinando un’uscita con la segretaria ma nutre dei dubbi riguardo il mio equilibrio mentale, così mi ha passato lei.
– D’accordo. Be’, mi racconti qualcosa.
– Uhm, quando avevo cinque anni ho preso un’altalena in testa. La spingevo senza che ci fosse seduto nessuno, ma io immaginavo ci fosse una bambina. Si chiamava Giulia.
– Capisco. E, in tempi più recenti, quand’è stata l’ultima volta che ha immaginato cose di questo tipo?
– Be’, praticamente sempre.
– Mi può fare un esempio concreto?
– Be’, mi faccio un sacco di film, tipo questo. Ah, e poi vedo gli schiaccianoci morti.
– Interessante. Altro da segnalare?
– La scorsa settimana ho sognato che Francesco Salvi vinceva 3-0 in casa del Real Madrid. Da solo.
– Questo è già più preoccupante.
– E parava un rigore a Cristiano Ronaldo.
– Oh, merda.
– Che c’è?
– Signor QuandoSiFaBuio, io credo che lei sia omosessuale e abbia dei sentimenti ambivalenti nei confronti di sua madre.
– Lei è freudiano, vero?
– Sì.
– Ma dai.

 

 

Se apprezzi questo articolo, condividilo con i tuoi amici!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.