Piantagioni di pere nelle nostre deboli menti

Scrivere è un mestiere gramo, ché pare che tutti se ne stiano lì a giudicarti, anche se non è vero. È difficile, e non si tratta di una questione squisitamente grammaticale: non è facile far ridere la gente. Non è facile far piangere la gente. Non è facile avere a che fare con la gente. Non è facile, la gente. Allora mi metto a rileggere quello che ho scritto e penso cose del tipo ah, carina questa, e sorrido: poi parlo con qualcuno che ha letto il blog e scopro che quella battuta non l’ha minimamente colpito. E viceversa, fortunatamente: passaggi che  a me non convincono per niente suscitano l’ilarità di alcuni, portandomi a pensare cose del tipo eeh? o Gulp! o ancora Poffarbacco! ed altre inusitate – vetuste, altroché – esclamazioni.
La verità è che le nostre menti sono piccoli orticelli, o frutteti, o cascine, ed ognuno si impegna a coltivare le proprie piantagioni di pere non curandosi del fatto che nella mente del vicino di casa c’è una fattoria nella quale si produce formaggio. Ma la paura di buttare via le proprie pere tentando di abbinarle al formaggio è spesso troppo grande, e non per la presenza del latticino in sé: solamente perché quel latticino non l’avete prodotto voi. E poi, supponiamo si scopra che il formaggio con le pere è veramente buono: cosa succederò quando verrà a saperlo il contadino? Meglio rinunciare e tenersi solamente le pere, che di per sè già non sono male.
Così ci ritroviamo a vent’anni di distanza con una scorta di confettura di pere che farebbe invidia ad un grossista e una carenza di calcio che ci sbriciola le ossa come biscotti secchi in mano a King Kong.
Insomma, non dico sempre, però, ecco: ogni tanto si potrebbe anche togliere la corrente dal proprio recinto e andare a fare un giro nella fattoria del vicino. Tutto qua.

Questo è un post “contenitore”: grazie a tutti coloro i quali continuano a segnalarci immagini, video e notizie strambe, divertenti.
Ora ballate il twist, e non sarete più trist!

 

Passata la tristezza, riappropriatevi di ciò che è vostro:

481093_343339865778722_379047245_n

Evitate di sbronzarvi troppo:

556048_10200550502474757_2103150199_n

 

E vedete il mondo! Uscite dalla vostra strada:

…ma fatelo con criterio!

Se apprezzi questo articolo, condividilo con i tuoi amici!

    2 pensieri su “Piantagioni di pere nelle nostre deboli menti

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.