Sorridete: così, se dovesse venirvi una paresi, già siamo abituati

Oggi nonc’hotempononc’hovogliaec’hoinballounesperimento, quindi poche parole e passiamo ai fatti. Stampatevi un sorrisetto su viso, molleggiatevi un po’ sulle vostre sgangherate giunture (non è bellissima la parola “sgangherato”?) e muovete il capo avanti e indietro a mò di piccione.

Insomma, e fatevela, ‘na ballata.

 

Se apprezzi questo articolo, condividilo con i tuoi amici!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.